moms in the city

Just another WordPress.com weblog

Marmellata di pesche al rosmarino

D’estate mi diverto a preparare marmellate e conserve. Mi piace proprio il rituale, la scelta della materia prima al mercato, i preparativi, procurarmi tutto l’occorrente di barattoli e tappi. Di solito mi cimento in questa attività durante le vacanze in montagna perchè le giornate sono fresche e perchè i banchi del mercato sono una meravigliosa tentazione! La casa è pervasa da un profumo meraviglioso e io mi sento molto ape operaia che si prepara all’inverno. Siccome mi diverto a farla, ne faccio in discreta quantità, molta di più di quanta poi riusciamo a consumarne, così alla fine ne regalo un bel po’ ad amici e parenti.

E’ impagabile il momento in cui stappi il vaso e senti il profumo vero della frutta e magari, come in questo caso, una nota fresca e lieve di rosmarino. La colazione ha tutto un altro gusto e la giornata inizia dolcemente.

Ingredienti: 1 kg di pesche gialle (peso netto), succo di 1 limone fresco, 800 gr di zucchero, 4 rametti di rosmarino fresco

Procedimento: pela le pesche, privarle del nocciolo e tagliale a cubetti piccoli. Metti le pesche in una grande ciotola e aggiungi il succo di limone. Aggiungi quindi il rosmarino e lo zucchero. Mescola bene e copri. Lascia riposare per qualche ora, girando di quando in quando fino a che lo zucchero non si è sciolto completamente.Metti il tutto in una pentola larga e porta a bollore a fuoco vivace. Cuoci fino a quando il liquido non è diventato uno sciroppo, ci vuole circa un quarto d’ora. Utilizza uno schiaccia patate per schiacciare bene la frutta. Ogni tanto con la schiumarola togli la schiuma che si crea ed elimina gli aghi del rosmarino.Riempi i vasi.

Per la sterilizzazione io procedo così. Utilizzo vasi di quella nota marca che si trova in tutti i supermercati in estate che riutilizzo di anno in anno, mentre i tappi li uso sempre nuovi. Sterilizzo i vasi con lo sterilizza biberon da microonde calcolando i tempi in modo che siano pronti esattamente quando è ora di spegnere il fuoco della marmellata. Chiudere subito con il tappo avvitando bene. Riempire i vasi ancora bollenti con marmellata bollente fa sì che contenuto e contenitore siano già sterilizzati e non sia necessario procedere alla sterilizzazione con bollitura dei vasi. Bisogna ovviamente procedere velocemente. Ho trovato molto utile in questa fase usare l’imbuto da marmellata, aiuta a non sporcare e a lavorare velocemente.

Dopo aver chiuso i vasi, il tappo sarà un po’ rigonfio, raffreddandosi sentirete a un certo punto un “toc” per cui il tappo sarà tornato alla posizione normale. Il tappo non deve fare assolutamente “clac-clac” se lo toccate (spiegazione tecnica e scientifica eccezionale, vero???), se lo fa vuol dire che la procedura non è andata a buon fine, perciò il contenuto deve essere consumato a breve, meglio se nel frattempo viene  conservato in frigorifero.

Nota: E’ ovvio che le conserve sono una cosa delicata che presenta dei rischi se non vengono adottate certe precauzioni o se qualcosa va storto, percjò se vi sembra che la conserva non abbia la giusta consistenza, odore, colore … non esitate: buttate via tutto!

Scaricate il file per stampare la ricetta:  marmellata di pesche al rosmarino (PDF)

Angela

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 72 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: