moms in the city

Just another WordPress.com weblog

Archivi Categorie: libri

Uomini e torte

Oggi vi segnalo un libro per cui ho un interesse personale, visto che l’illustratrice è la mia sister in law. E’ infatto uscito da poco “UOMINI E TORTE, come cuocere farcire o bruciare il maschio dei tuoi sogni” di Bettina Dal Bosco, edito da Giunti, illustrato – appunto – da Caterina Giorgetti.

E’ un divertentissimo saggio che descrive come gli uomini, rigorosamente divisi in categorie, siano assimilabili ad altrettante tipologie dolciarie. Vi è mai capitato di chiedervi se il vostro compagno sia più Millefoglie o Saint-Honorè? Leggi il resto dell’articolo

Abbiamo letto: the Help

Incredibilmente incredibile: ecco come si potrebbe descrivere questo libro. The Help è un romanzo scritto da Kathryn Stockett incentrato sulla figura di alcune domestiche di colore che durante gli anni sessanta lavorano per delle famiglie bianche a Jackson, Mississippi, culla del razzismo, in un periodo in cui Martin Luther King inizia la sua battaglia ed il suo sogno comincia a prendere forma.

Il romanzo è raccontato dal punto di vista di tre narratrici: Aibileen, una domestica afro-americana di mezza età che ha trascorso la sua vita educando i figli dei bianchi, e che ha da poco perso il suo unico figlio in un incidente sul lavoro. Minny, la migliore amica di Aibileen, anche lei domestica con un caratteraccio tale da essere stata più volte licenziata, nonostante il bisogno costante di denaro per mantenere la sua numerosa famiglia. Ed infine Eugenia “Skeeter” Phelan, una giovane ragazza bianca neo-laureata con aspirazioni da scrittrice. Tre donne, tre caratteri diversi, due mondi opposti che si incontrano per non lasciarsi mai più.  Leggi il resto dell’articolo

Libreria gastronomica

Mancava a Milano un negozio così. luogo dove l’amore per i libri e la passione per la cucina si fondono. Erano mesi che volevo andare, ma ogni volta qualcosa mi deviava. L’altro giorno sono finalmente passata e ho passato un’ora a guardare tra gli scaffali e a chiaccherare con Anna Malafarina – la titolare – di cucina, libri, chef, mode e gastronomia. La Libreria gastronomica è un negozio piccolo e accogliente dove troverete certamente molto più di quello che cercate. Più di 2000 i titoli in catalogo, dai libri più semplici a quelli “da collezione” e artistici della casa editrice Phaidon, libri per bambini, i titoli dei grandi chef, ma anche testi scientifici più tecnici (ho adocchiato un libro sull’uso del coltello che non mi farò sfuggire). Tutte le case editrici sono rappresentate con titoli scelti con cura. Io sono ovviamente (!) uscita con diversi libri perchè oramai ho rinunciato a dire che “mi servono”, ho ufficialmente stabilito che li compro perchè li colleziono, mettendo così a dormire i miei sensi di colpa…. La Libreria organizza anche incontri con autori dei titoli esposti, quindi tenete d’occhio la sezione del sito dedicata agli eventi. Che altro? buona spesa e buona cucina!

Angela

PS a Londra invece da non perdere Books for Cooks

Libreria gastronomica
Via Cellini 21
Milano

Ho letto: Maionese di fragole

I libri di cucina sono la mia passione, quelli poi in cui uno chef o un critico parlano della loro storia mi attirano come calamite. Quindi non potevo non leggere “Maionese di fragole” di Moreno Cedroni. L’ho letto con grande piacere ritrovando in tantissime delle sue pagine un pensiero comune. Il sottotitolo dice “l’arte di divertirsi in cucina con i propri figli”  ed è dedicato ai papà che vogliono sporcarsi le mani in cucina in modo creativo.

Cedroni è un cuoco vulcanico con una cucina molto particolare, senza dubbio ricercata. Chef stellato, con i suoi ricordi d’infanzia, gli aneddoti della sua vita di papà di Matilde, bimba quattordicenne, ci ricorda l’importanza del mangiare bene. Leggi il resto dell’articolo

10 libri che un genitore dovrebbe leggere: le dritte di Silvia – Genitori Crescono

Mi piace moltissimo questa nostra rubrica, e mi da una grande soddisfazione quando un autore di uno dei blog che seguiamo accetta di scrivere un post per noi su uno dei temi che più abbiamo a cuore. All’ultimo MomCamp ho incontrato Silvia di Genitori Crescono e dalla nostra chiaccherata ho avuto subito in mente che dovevamo riuscire a farla scrivere per noi! Ha accettato senza nemmeno farsi pregare (grazie Silvia!), ecco quindi le sue preziose indicazioni sui libri che un genitore dovrebbe leggere (io ne ho letti solo 5 su 10, dovrò recuperare!!). Ci sono ovviamente anche le solite domandine per conoscerla meglio e … per farci un po’ gli affari suoi.   Che dire di Genitori Crescono? Che è uno dei blog da leggere ogni mattina, dove troverete senz’altro infiniti spunti di riflessione e confronto, dove la lettura sarà un piacere perchè oltre a dire cose interessanti, Silvia e Serena le dicono bene, con un linguaggio ricco che io amo molto, soprattutto in tempi in cui il linguaggio sembra essersi ridotto a poche parole, perdendo le sue mille sfaccettature e sfumature. Leggi il resto dell’articolo

Ho letto: La casa di via Colombo

 

Ecco un libro piccolo e prezioso. L’autrice rievoca gli anni passati a Milano durante la seconda guerra mondiale. Oscuramento, paura, bombe, fame sono dapprima vissuti con lo stupore inconsapevole dell’infanzia, poi con più sofferta partecipazione. Tutto si svolge in zona Città Studi, chi la conosce sarà particolarmente incuriosito dai racconti delle vie e delle piazze di allora.

La casa di via Colombo – Carla Bisi Castellani – Ed. IBIS – Collana Minimalia

Cristina

Ho letto: La figlia perfetta

Avevo comprato questo libro mesi fa ma poi fra una cosa e l’altra era rimasto in libreria e lontano dai miei pensieri. Poi mio marito cercando un libro da leggere è rimasto colpito dal libro e l’ha preso lui. Dopo pochi giorni lo aveva finito, divorato, decantandone la bellezza. Così è stato il libro che ho messo nella mia valigia prima di partire per le vacanze.

In effetti mi è piaciuto molto… Racconta di due famiglie che si incontrano per caso all’aeroporto di Baltimora, dove entrambe sono in attesa dell’arrivo delle loro bimbe appena adottate in arrivo dalla Corea. Una delle due famiglie è perfettamente americana, socialmente impegnata e politicamente corretta; l’altra è un nucleo familiare iraniano, che ha superato non da molto tempo le difficoltà dell’inserimento nel tessuto sociale degli Stati Uniti. Mentre la prima farà di tutto perché la bimba adottata mantenga i contatti con la sua cultura di origine, la seconda cercherà in ogni modo di assimilarla immediatamente alla realtà di Baltimora. Le storie delle due famiglie, che mantengono i contatti dopo il primo incontro, si incrociano per molti anni, e ogni anno diventa l’occasione per un nuovo confronto, per misurare avvicinamenti e distanze, per osservare i bimbi che crescono e il mondo che cambia. La scrittrice ci accompagna in questo percorso tramite momenti di grande terenezza e di spassosa comicità, dando allo stesso tempo uno spaccato assolutamente attuale sul tema dell’integrazione, facendoci vivere in prima persona la sensazione di non appartenenza degli immigrati, il rimpianto per il mondo e la lingua che ci si è lasciati alle spalle e la volontà di vivere nella terra che si è scelta come nuova casa nonostante tutto e tutti, con le difficoltà e tristezze che questo comporta.

Anne Tyler, La figlia perfetta, Ed. Guanda

Enrica

La valigia dei libri – estate 2011

Cosa leggerete quest’estate? la mia valigia – ne faccio una solo per i libri – sarà pesantissima anche quest’anno. Ho tanti libri che vorrei leggere e sempre troppo poco tempo per farlo. Ecco quelli che cercherò proprio di leggere, spaziando da libri più leggeri come “Vacanze in villa” a qualcosa di decisamente più serioso come “La questione morale”. Leggi il resto dell’articolo

Ho letto: ma come fa a far tutto?

Qualche anno fa ho letto  Ma come fa a far tutto? di Allison Pearson,  libro che si inserisce nella collana dei mommy-books, ovvero in quel filone di libri di cui da qualche anno a questa parte le librerie sono piene. Libri che parlano di quanto le mamme siano impegnate, e di quanto anche se isteriche, in disordine e prossime al ricovero siano sempre e comunque meravigliose. Tanti di questi libri sono francamente insulsi, questo mi è piaciuto molto. Leggi il resto dell’articolo

Ho letto: Il linguaggio segreto dei fiori

Ho appena finito di leggere Il linguaggio segreto dei fiori di Vanessa Diffenbaugh. L’ho comprato dopo aver letto una recensione che ne anticipava l’uscita preannunciando un grande successo. Il titolo fa pensare a un romanzo romantico e in parte lo e’. Lo è quando parla dei fiori e dell’amore. Ma e’ anche crudo e duro, le prime pagine mi avevano fatto pensare di aver comprato il libro sbagliato. Victoria la protagonista e’ una ragazza orfana che da bambina viene affidata ai servizi sociali che cercano di trovarle una casa. Passa di casa in casa senza riuscire a trovare una famiglia in cui stare e che le ami, cresce quindi senza sapere cosa sia l’amore di una famiglia, fino a quando finalmente non incontra Elizabeth. Leggi il resto dell’articolo

La fisica delle ragazze

Extramamma lancia un giveaway, in palio c’ è il libro “La fisica delle ragazze” di Monica Marelli illustrato da Caterina Giorgetti. Del libro, indirizzato alle ragazzine di circa 10 anni, trovate la descrizione qui e un’altra recensione qui, ma la cosa che mi preme di più è segnalare che partecipo anche io al concorso e che DEVO vincere per le seguenti motivazioni: Leggi il resto dell’articolo

Ho letto: Il ruggito della mamma tigre

Attirata dalle recensioni mai blande e soft, dal coro di dissenso e polemica che si è sollevato all’uscita di questo libro, ho letto “Il ruggito della mamma tigre”. L’ho letto d’un fiato e mi è piaciuto, molto, anzi moltissimo. Il libro racconta della storia di Amy Chua e di come ha cercato di educare le sue due figlie; è la storia personale di una donna, non è un saggio di pedagogia, quindi non credo abbia la velleità di porsi come un modello quanto piuttosto di condividere un’esperienza e un modo di vedere la vita. Quello che mi è piaciuto del libro è la capacità della Chua di andare contro corrente, forte della sua convinzione sulla bontà del metodo educativo da lei scelto, non ha mollato, i suoi dubbi – comunque presenti – li ha risolti lungo il cammino, fino a lasciare scegliere alla più piccola delle due figlie – quella ribelle e più indipendente – una strada diversa. Leggi il resto dell’articolo

So Audrey!!

 

Da sempre adoro Audrey Hepburn: la sua grazia innata buca il video ed arriva fino a te che la stai guardando e non puoi fare a meno che restare lì, a bocca aperta a sognare di poterla ottenere anche tu per osmosi, in qualche modo. Con le ballerine rasoterra, il filo di perle e l’immancabile rossetto l’attrice è diventata un’icona senza tempo! E adesso è uscito un libro, “So Audrey: 59 ways to put a little Hepburn in yuor steps”, che insegna come imitare la mitica Hepburn: i consigli, i look e le dritte della diva in 59 mosse…

La camicia bianca da uomo diventa la migliore arma di seduzione. Il trench. L’abito nero.  Il foulard che si indossa come cravatta, intorno alla vita al posto della cintura, come copricapo gipsy o allacciato alla borsa.  Una frase fra tutte caratterizza l’idea di stile di Audrey Hepburn:
 
Credo nella manicure, nell’agghindandarsi, nell’usare rossetti, nel rosa. Credo che l’amore sia il miglior metodo brucia-calorie. Credo nel bacio alla francese. Credo che le ragazze felici siano le più carine. Credo che domani sia un altro giorno e credo ai miracoli
 

Enrica

Ho letto: Chiedi scusa! Chiedi scusa!

L’ultimo libro che ho letto è Chiedi scusa! Chiedi scusa! di Elisabeth Kelly, edito da Adelphi. Dico subito che mi è piaciuto moltissimo, per la storia in sè e per come è scritto. Mi è spiaciuto arrivare all’ultima riga, ho letto le ultime pagine di corsa e piano insieme per la voglia di leggere il finale e per il dispiacere di dover lasciare i suoi strampalati personaggi …

Il libro racconta la storia di una famiglia ricchissima che vive nell’isola di Martha’s Vineyard “in una grande casa chiassosa”. Il protagonista, Collie,  io narrante dice “mia madre era ricca e i soldi di suo padre piovevano dal cielo come coriandoli”. Leggi il resto dell’articolo

101 cose da fare a Milano con il tuo bambino!!

Se siete come me che non riuscite a stare ferme e se anche per voi i week end sono due giorni un po’ da “temere” perchè non sapete come riempire l’intera giornata, ecco un libro che fa per voi! L’ho trovato ieri gironzolando per una libreria e mi è sembrato decisamente geniale!

Il libro parte dal fatto concreto che Milano non sia una città a misura di bambino: poco verde, ristoranti non proprio kids friendly, una giungla di macchine e tram, parchi piccoli e poco attrezzati. Ed allora ecco che le due creatrici di questo manuale ci vengono incontro con 101 idee tutte dedicate ad attività da fare, negozi dove andare.

Nel libro troverete la segnalazione di negozi di abbigliamento per bambini, come organizzare una festa di compleanno, come introdurre il bambino alla musica, come avvicinarlo alla pittura, al teatro, all’arte culinaria. Si può pensare al nuoto, karatè o judo, ma anche ad una visita al sottomarino Toti o al Planetario. Ci si può addentrare nel Parco Solari e nell’Acquario, Sforzinda ci aspetta nei sotterranei del Castello, e poi ancora il Teatro delle Marionette, le farfalle dei giardini di via Palestro e i dinosauri del Museo di Scienze Naturali, la Torre del parco e il locale dove gustare un brunch domenicale, dove imparare l’inglese e dove gustare un gelato, un giro all’Ikea e uno alla Decathlon. 

Ieri sera a letto mi sono messa a scorrerlo appuntandoni una serie di attività adatte alla mia pupetta e la mia voglia di andare, fare, vedere, scoprire, già abbastanza elevata, si è accresciuta ancor di più!!!!

L’ultima idea ma forse la prima è quella di stare tra le proprie mura, nell’intimità di casa nostra, purché ci si dedichi esclusivamente a loro, ai nostri bambini!!!

Buona lettura e buon divertimento!!!!

Enrica

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: